google-site-verification=7uKx5_fN3o3T5QzA32ghvf9sBTlYQ7L5-Vdakr72l3Q

An opportunity to be reborn (En - It)

Updated: Sep 22

(Italian below/Italiano in fondo)

I believe in the power of storytelling. Tales are powerful instruments able to support us in our journey of transformation. This is the reason why I love to write Fairy Tales enclosing gifts meant to help people overcome and dissolve any perceived obstacle, limitation and fear by awakening their inner and deepest resources.

“The Fairy who aspired to the Sun” is one of my favourites, among the tales I wrote (I should write “channeled”, because while writing, as well as while painting and dancing, I feel myself as a channel of an inspiration coming from the highest level of Consciousness). I published this tale in a book, “The Faerie Code - A guide to the Faerie Dimension and its Gifts”, which is about the secret language of Faeries, that is the same language spoken and understood by the unconscious side of our mind.

This is my gift, today, to remind you that every month a New Moon brings us the opportunity for rebirth.


Whether you believe in the existence of Faeries or not, it doesn’t matter.


May this tale inspire you.

May you get the message.

May your life become every day brighter and lighter.


“The Fairy lived happily in an enchanted place. The luxuriant nature, with bright colours and inebriating scents, regenerated the soul and bodies of the creatures who were lucky enough to live in that place full of magic. She had wide, iridescent wings and her thin, soft and diaphanous skin reflected the golden and silvery glows of the stars, that alternated in the deep, clear sky. She spent a lot of time playing with others of her kind, among the sparkling waters of streams and waterfalls for which she felt a deep love - and she devoted herself to watching the growth of flowers and plants with patient commitment - controlling the energy of the environment that provided them with the nourishment they needed. In the ether of which she was a part, she harmonized the nourishment coming from the Sky, in the form of solar light and heat, with the nourishment coming from the Earth. She worked hard to eliminate any form of limitation, impediment or distortion that could, even for a moment, alter the balance and weaken the Flora she was taking care of. She observed and preserved the harmony between the elements of Nature, working to provide support to Life and, of course, to distribute love and healing, as all the Faeries do.


It often happened to her, as a partly ethereal and incorporeal creature, partly solid and tangible as she was - that she met denser creatures, like animals, and she had even encountered some human beings who were particularly pure of heart, like those who can see beyond what is commonly considered as visible by humans. It was easier to communicate with animals than with humans. Animals did not have any prejudices, so she could easily approach them and, take care of them when they needed help and support. Like every other Fairy, in moments of thoughtlessness the Fairy loved dancing and meeting Fauns, cheerful and passionate, and some of the least solitary Centaurs. They all gathered together and celebrated Life in those cadenced love rites that marked the succession of seasons over time on Earth, and this made her feel even more alive in those moments - alive and involved in a sacred equilibrium, in which everything was One. Yet there was something disturbing her happiness, first sporadically, then more and more frequently.


One fine day, instead of keeping her loving and protective look upon the Earth’s surface as usual, she had started to look at the Sky. And since she had begun doing so, she thought she had started losing herself. She lost herself in the pursuit of the Stars. By day she wanted to dive into the heat and the light of the Sun, and by night she felt devoured by the desire to lose and find herself again among the Stars. And she lost herself in following the evolutions of the creatures as light as the air itself - those Elves which Nature had created thinner and more ethereal than she was - and those Genies to whom Nature had given a solar brightness, charged with sparkling and bright electricity, so fast that she could barely follow their changing and unpredictable trajectories.


Those were the creatures she admired the most and which she was fatally attracted to. She regretted that her body, her wings and her very nature did not allow her to approach them more than that. And why? Who or what prevented her from doing so? Only the fear of flying too high and falling badly, or of burning her wings. She then decided to try, to dare to approach them. Every day she flew higher and a little further away from the clearing where she and her companions lived and where she usually operated. Her wings and body, already subtle, seemed so heavy now and slowed her down at every attempt.


One of the bright Creatures she followed seemed closer than others. He sometimes seemed to slow down and look back at her, perhaps because the Creature was curious about seeing her every day, as she defied the laws and beliefs that held her so close to her Land. Every now and then she thought that this vibrant, luminous, electric Creature would come closer, so this gave her the courage and desire to challenge the limit of her own nature more and more.


But day after day there was a price the Fairy paid without even knowing. Every day her efforts and the closeness to the Sun, and to the Light Creatures she followed, hurt her diaphanous body by burning her skin and wings. She loved the Sun so much and loved the Stars so much, and loved the Creatures that flew in the rays of Light. She, a creature of earth and water, was now in love with the hot fire of the sunlight and with the electrifying flame of the Creatures, Genies living in the subtle air, who seemed to regenerate by bathing in the rays of the hottest Sun. In order to reach them, she would have consumed her own body and life, because since she had started to perceive something else, outside of her enchanted, reassuring and charming world, she had started to feel herself dying. Or maybe she felt herself dying every time, exhausted after her flights, when she had to land on the ground and rest, to recover from having dared so much.


The Genies she loved and pursued never landed. Always moving like the air itself, in a motion as incessant as breathing, and the travelling of Light itself - they were so beautiful and bright when dancing towards the Sun, so light, that she never minded they might not show her some love, or take her by her hands and accompany her on those flights, in the heavenly abyssal depths.

Some of her Faerie mates, seeing her being consumed, stated that the Creatures of Air and Light were actually ruthless and heartless. How could they accept the Fairy being tortured? Yet she could only follow the powerful order that came from her own heart as an imperious voice, that despite her pain, obliged her to continue to challenge her limits and the common sense Mother Nature had given her, in following a dream that seemed impossible. And so, careless of both her suffering - and the tender compassion and objections with which her Faerie mates tried to hold her back in vain - one day the Fairy decided she would no longer come back to Earth and she would no longer lay down or rest. She would rather fall, in the effort to reach the heights where her beloved Creatures flew and drew subtle dances into the daily sunlight and in the nightly starlight.


And she began to climb the sky more and more, into the blazing glow of the day, chasing the rays of the Sun to reach the source of the Light itself, while pursuing the bright Genies that barely even noticed her. And as she was climbing, she felt increasingly attracted and more and more consumed as her skin and wings were burning - and at the same time she felt her exhausted Fairy heart was getting light, careless of her own fate. And the Sun was so beautiful and pleasant, it looked like the very source of the Light Creatures, who ascended and descended like sparks, swirling fast in its rays. She only wanted to die in that Source, letting herself be consumed, because the heaviness of what once was the light bodyweight of a Fairy was now unbearable. And she climbed, more and more with an immanent effort, until she felt like flaring up into a whirl of fire. She then perceived her miserable and exhausted body exploding, in a piercing pain and in a tinkling myriad of fragments of ether. Her last thought, in that form, was that the Sun was still so far away...


Then, surprisingly, she realized that the pain had ceased and there was only a joyful lightness of bliss. And she was ascending again, without effort anymore, transported by a pure current of Light of which she was a part - bright, brilliant and as perfect as a little Star, she experienced herself as a spark of the Sun lurking in the celestial depths and gracefully touching the Earth with its warm and caressing breath.

And through a ray of Sun, dancing and swirling in it, she found herself glittering among those Light Creatures, the Genies she had chased, now as part of the Light she had loved so much. She was now a Messenger and bringer of Life, Light and regenerating heat, from Earth to Sky, from Sky to Earth…and beyond.“


From “The Faerie Code - A Guide to the Faerie dimension and its Gifts” by Monica Canducci



Un'opportunità per rinascere


Credo molto nel potere del racconto. Le storie sono strumenti potenti in grado di supportarci nel nostro percorso di trasformazione. Questo è il motivo per cui amo scrivere Fiabe che racchiudono doni che hanno lo scopo di aiutare le persone a superare e dissolvere qualsiasi ostacolo, limitazione e paure percepiti risvegliando le loro risorse interiori e più profonde.


"La Fata che aspirava al Sole" è uno dei miei preferiti, tra i racconti che ho scritto (dovrei scrivere "canalizzato", perché quando scrivo, come quando dipingo o danzo, mi sento un canale di ispirazione che proviene da un più alto livello di Coscienza). Ho pubblicato questo racconto in un libro, “Sulla Via delle Fate - Una guida alla dimensione Fatata e ai suoi doni", che parla della lingua segreta delle Fate, che è la stessa lingua parlata e compresa dal lato inconscio della nostra mente.

Questo è il mio dono, oggi, per ricordarti che ogni mese la Luna Nuova ci offre un’opportunità per rinascere.


Che tu creda nell'esistenza delle Fate o no, non importa.

Possa questa storia ispirarti.

Possa tu ricevere il messaggio.

Possa la tua vita diventare ogni giorno più luminosa e leggera.


"La Fata viveva felice in un posto incantato. La natura rigogliosa dai colori sgargianti e dai profumi inebrianti rigenerava l’anima e i corpi delle creature che avevano la fortuna di abitare in quel luogo carico di magia. Lei aveva ali ampie e cangianti, e la sua pelle sottile, morbida e diafana, rifletteva i bagliori ora dorati, ora argentei, degli astri che si alternavano in un cielo profondo e sempre limpido. Con le altre della sua specie passava molto tempo a giocare gioiosa tra le acque spumeggianti di ruscelli e cascate per le quali aveva una predilezione, e si dedicava con paziente impegno a controllare la crescita dei fiori e delle piante, avendo cura che l’energia dell’ambiente circostante provvedesse al loro nutrimento. Armonizzava, nell’etere di cui era parte, il nutrimento che proveniva dal Cielo, sotto forma di luce e calore solare, con quello che scaturiva dalla Terra, e lavorava alacremente per eliminare ogni forma di limitazione, impedimento o distorsione che potesse anche solo per un momento alterare gli equilibri e indebolire la flora cui si dedicava. Osservava e preservava l’equilibrio tra gli elementi della Natura, operando per fornire supporto e sostegno alla Vita e, ovviamente, per dispensare amore e guarigione, come fanno tutte le Fate.


Spesso le capitava, creatura in parte eterea e incorporea, in parte quasi solida e tangibile com’era, di intrattenersi con creature più dense, forme di vita animale, e addirittura aveva incontrato qualche essere umano particolarmente puro di cuore, di quelli che sanno vedere oltre il visibile comunemente inteso tra gli umani. Con gli animali era più facile intrattenersi, rispetto agli umani. Gli animali non avevano pregiudizi, e lei poteva facilmente avvicinarsi loro e prendersene cura nel momento in cui necessitavano di aiuto e supporto.


Come tutte quelle della sua specie, nei momenti di spensieratezza la Fata amava danzare e intrattenersi in compagnia dei Fatui, dei Fauni gaudenti e passionali, e di qualche Centauro tra i meno solitari. Tutti insieme si ritrovavano e celebravano la Vita in quei cadenzati riti d’amore che scandivano il susseguirsi delle stagioni nel tempo che scorre sulla Terra, e questo la faceva sentire ancor più viva in quei momenti, viva e partecipe di un equilibrio sacro in cui tutto era Uno

Eppure c’era qualcosa che turbava, dapprima sporadicamente, poi sempre più frequentemente, la sua felicità.


Un bel giorno, anziché mantenere come sempre il suo sguardo amorevole e protettivo sulla superficie della Terra, aveva iniziato a guardare il Cielo. E da quando aveva iniziato a farlo, le sembrava di avere iniziato a perdersi. Si perdeva a inseguire con lo sguardo il cammino degli astri. Di giorno desiderava tuffarsi nel calore e nella luce del Sole, e di notte si sentiva divorare dall’ardente desiderio di smarrirsi e ritrovarsi tra le stelle… E si perdeva nel seguire con gli occhi le evoluzioni di creature leggere e leggiadre come l’aria stessa….quegli Elfi che la Natura aveva creato più sottili ed eterei di quanto lei non fosse… quei Geni cui la Natura aveva donato una brillantezza solare, carica di elettricità frizzante e luminosa, così veloci che a stento si riusciva a star dietro alle loro mutevoli e imprevedibili traiettorie…


Quelle erano le Creature che più ammirava e dalle quali era fatalmente attratta, e rimpiangeva che il suo corpo, le sue ali, la sua natura stessa non le permettessero di avvicinarsi a essi più di tanto… e perché, poi? Chi o cosa glielo impediva, in fondo in fondo? Solo la paura di volare troppo in alto e di cadere malamente…o di bruciarsi le ali. Decise quindi di tentare, di provare, di osare un avvicinamento. Ogni giorno si spingeva più in alto col suo volo, e un poco più lontano dalla radura dove aveva casa e compagnia, e dove solitamente operava. Le sue ali e il suo corpo, già sottili, le gravavano tanto da rallentarla in ogni tentativo di approccio.


Una tra le Creature luminose che inseguiva le sembrava più raggiungibile delle altre, le sembrava a volte rallentare e guardare indietro, in basso, verso di lei… forse perché si incuriosiva vedendola ogni giorno sfidare le leggi e le convinzioni che la trattenevano così vicina alla Terra. Ogni tanto le sembrava che questa Creatura vibrante, luminosa, elettrica si lasciasse avvicinare, e questo le dava coraggio e voglia di sfidare sempre più il limite della sua stessa natura. Ma c’era un prezzo che, giorno dopo giorno, la Fata pagava senza nemmeno accorgersene. Ogni giorno gli sforzi e la vicinanza stessa con il Sole e con le Creature che inseguiva verso esso le piagavano il corpo diafano e le bruciavano la pelle e le ali. Lei amava il Sole così tanto, e amava le stelle così tanto, e così tanto amava le Creature che si libravano nei raggi di Luce…lei, creatura di terra e di acqua, ora innamorata del fuoco caldo dell’astro diurno, della fiamma elettrizzante dei Geni che abitavano l’aria sottile e sembravano rigenerarsi bagnandosi nei raggi del Sole più rovente…lei, pur di raggiungerli, avrebbe consumato il suo corpo e la sua vita, perché da quando aveva iniziato a percepire altro, al di fuori del suo mondo incantato, rassicurante e avvolgente, aveva iniziato a sentirsi morire. O forse si sentiva morire ogni volta che, stremata dopo l’ennesimo volo, le toccava posarsi a terra e riposarsi, per riprendersi dall’aver osato tanto.


I Geni che amava e inseguiva non si posavano mai. Sempre in movimento come l’aria stessa…un moto incessante come il respiro, come il viaggiare stesso della Luce….così belli e luminosi erano, quando danzavano verso il Sole…così leggeri… e mai le veniva in mente che forse avrebbero potuto manifestare verso di lei un poco più di amorevolezza, prendendola per mano e accompagnandola in quei voli, nelle profondità celesti per lei abissali…Qualcuna delle sue compagne, da terra, nel vederla consumarsi così insinuava che le Creature d’Aria e di Luce fossero in realtà spietate e senza cuore…come potevano accettare che la Fata si torturasse così? Eppure lei non poteva fare altro che seguire l’ordine potente che scaturiva dal suo cuore come una voce imperiosa che le intimava, nonostante il dolore, di continuare a sfidare i suoi limiti e il buonsenso di cui Madre Natura l’aveva dotata, all’inseguimento di un sogno che pareva impossibile.

E così, incurante sia della propria sofferenza sia della morbida compassione e delle obiezioni con cui le sue simili e i suoi compagni di giochi di un tempo tentavano invano di contenerla, un giorno la Fata decise che non sarebbe più tornata sulla Terra, non si sarebbe più posata o riposata…si sarebbe lasciata cadere, piuttosto, nello sforzo di raggiungere le altezze in cui le Creature amate si libravano e intrecciavano danze sottili nel chiarore diurno del Sole e notturno delle stelle.

E incominciò a salire, sempre di più, sempre di più nel bagliore sfolgorante del giorno, inseguendo i raggi del Sole per giungere alla fonte della luce stessa, inseguendo stremata il Genio brillante che non sembrava accorgersi di lei…e mentre saliva si sentiva sempre più attratta e sempre più consumata nel bruciare della sua pelle e delle sue ali, e nello stesso tempo sentiva che il suo cuore di Fata spossato diventava leggero, incurante della sua propria sorte…e il Sole era così bello e ridente, sembrava la fonte stessa delle Creature di Luce che a frotte salivano e scendevano come scintille, vorticando velocissime nei suoi raggi…e lei non desiderava altro più che estinguersi in quella Fonte, lasciandosi consumare e finire per quanto ormai le era insopportabile il peso di quello che era stato il leggiadro corpo di una Fata… E salì, e salì ancora, sempre di più con uno sforzo immane, fino a che si sentì come avvampare in un turbine di fuoco, e poi percepì il suo misero e sfinito corpo esplodere in un dolore lancinante e una miriade tintinnante di frammenti d’etere…l’ultimo pensiero, in quella forma, fu che il Sole era ancora così lontano…


Poi si sorprese a scoprire che il dolore era cessato, e c’era solo più una leggerezza gioiosa e inebriante d’estasi… e lei stava salendo ancora, senza più sforzo, trasportata da una corrente di Luce purissima della quale faceva parte… luminosa, brillante, perfetta come una piccola stella, come una scintilla di quel Sole che troneggiava nelle profondità celesti e sfiorava amorevole la Terra col suo respiro caldo e carezzevole...e proprio attraverso un raggio di Sole, danzando e vorticando in esso, si ritrovò, splendente, tra coloro che aveva inseguito, ormai parte della Luce che tanto aveva amato. Messaggera e portatrice di Vita, Luce e calore rigenerante… dalla Terra al Cielo, dal Cielo alla Terra…e oltre."


Estratto da "Sulla Via delle Fate - Guida alla dimensione Fatata e ai suoi Doni" di Monica Canducci


#fairy #tales #healing #nature #guarigione #transformation #trasformazione


© 2018 by Monica Canducci. All Rights Reserved.