google-site-verification=7uKx5_fN3o3T5QzA32ghvf9sBTlYQ7L5-Vdakr72l3Q

A Fairy Door to the Unseen (EN - IT)

Updated: Apr 11


(Italian below/ Italiano in fondo) Did you ever think, or wish, to be able to see and sense an invisible world, a parallel dimension populated of subtle creatures taking care of the Nature surrounding us? Whether your answer is yes, no, or maybe, please keep reading to find the gift I want to share with you today.

As a child, I was attracted to the Faerie world - as probably many other children. Growing up, I never stopped to believe in a kind of “magic”, present in our life even if somehow unseen.

When at the age of 17 I discovered to be a channel drawing information, first from the afterlife, then from a higher dimension of Consciousness that I perceive beyond the Earthly world, I felt compelled in deepening the experiential and practical knowledge of different spiritual paths, as well as of the functioning of the human being and of the connections between body, mind, environment and spirit.

In my spiritual quest, I never forgot the Faerie world, but honestly the access to it was not my priority. Until something happened.

It was the very beginning of 1999. I was still living in Italy at the time, in a beautiful and peaceful village built around a Medieval castle on a hill. That night I was alone at home, and I went to sleep as usual, after a cup of herbal tea and a simple meditation.

Suddenly, in the middle of the night, I was awaken by a sound. It was like a chant coming from another world. Actually, it was coming from my living room, but it was like if it belonged to another dimension. It was the most pure, beautiful, subtle, penetrating music I ever heard. Not a choir, not an orchestra. It was something incomparable and unique, not from this Earthly world. I felt like that music was penetrating into my brain and body, making me feel subtler and lighter, so light that I felt I wasn’t inside my body anymore. I wanted to get up to go into my living room (which was an empty, big room serving as a dance rehearsal space) to see what was going on there, but I felt like if I was chained to my bed. Actually I felt like I was going to be abducted somehow, and brought into a dimension in which everything was brighter, subtler and lighter. Then the music started fading out, and I started feeling my body again. I ran to the living room, but, of course, it was empty.

It was 3:15am. I couldn’t go back to sleep. I felt compelled to write, and so I let the inspiration flow through my hand holding the pen. Then, 15 minutes later, I was reading, amazed, the tale I had just channeled.

I started crying. In a sudden insight, I realized it was my story. In a blink I felt reconnected to my identity, to my path, to my mission. I felt a door had been opened, and that door was giving me a totally different perspective on my existence. The tale was titled “The Call of the Mountain”. It is the first of seven initiatory tales at the end of my book “The Faerie Code - A guide to the Faerie dimension and its gifts”*. If you keep reading you’ll find the link to download this tale for free.

It took years to integrate that experience. I would say that it took more than 20 years, spent searching, learning, understanding, accepting, surrendering, experiencing, sharing. During these years, I developed the feeling that it doesn’t matters whether or not we believe in the existence of Faeries. The only thing that matters is to keep ourselves open to new experiences. By deepening the understanding of how our mind works through hypnosis and neuroscience, and by learning a lot about anthropology and spiritual traditions, I realized that the most important thing is to keep our curiosity alive, and stay open to different ways of describing our perceptions, which are totally personal and relative to our personal experience.

A few months after that night, the “call of the mountains” brought me to live in the enchanted Aosta Valley, surrounded by woods, waterfalls, and… Faeries. Then, Life became more magical and also more challenging, and I went through big tests and trials which also involved my health.

Now, as I’m getting a special gift from Life, which allows me to keep sharing on this Earth the blessings I have kept receiving (I’ll share with you soon the story of my healing process), I feel that I am finally fully operational. I’m celebrating this new phase of my life by opening my door to all of you, sharing something special I started doing a few years ago, as soon as I left Italy.

When I moved to Canada in 2012, I felt called to start building Fairy Doors.

According to many traditions, a Fairy Door (or Faerie Door) helps people connect with the Invisible Realm of Faerie. They say that if you want to invite a Fairy to visit your house, you should have a Fairy Door. It seems to Faeries as an invitation.

With or without a Fairy Door, in order to receive the Faeries’ help and favours, you don’t need to do anything specific other than just keeping a gentle, respectful and constructive attitude towards yourself and the living beings surrounding you. Faeries and other magical beings are made of a matter that is subtler than our human physical body, and that makes them much more sensitive to our mood and attitude than us humans. If you want to receive benefits from the Faerie Realm, keep cultivating self-awareness, love, respect and sense of humour. Faeries are lighter than humans, and they appreciate everything that makes one feel uplifted and enlightened.

A Fairy Door is like a door opening on the Realm of Faeries and connecting with its gifts… if you believe in the existence of Faeries. If you don’t believe in Faeries, or if you don’t know whether to believe in their existence or not, a Fairy Door is the symbol of one’s opening to the unseen side of Life and Consciousness, which actually could keep as many secrets and gifts as the Faerie World itself.

Quoting one of my favourite authors, William Shakespeare

There are more things in heaven and earth, Horatio,

Than are dreamt of in your philosophy”** - Hamlet (1.5.167-8), Hamlet to Horatio

Here I’m sharing with you some pictures of the making of a Fairy Door, and, as I promised, the link to download the tale “The Call of the Mountain". Enjoy it!

The making of a Fairy Door, as well as the making of a Spiritual Portrait, is a process of deep connection with myself, with the soul of the individual to whom the Door is destined and with that higher Dimension of Being which drives my existence. It is more than meditation, more than contemplation and dedication. It's something not easy to describe, but totally related with those connections enabling us to make the invisible seen, unveiling enlightening connections. There are so many things to discover in our life journey...

I wish you to be always guided and protected on your Path.


Monica


* “The Faerie Code - A guide to the Faerie dimension and its gifts” by Monica Canducci is available as Kindle, paperback and audiobook.

**According to some editors, “philosophy” means “science” and some editors, such as Dyce, White and Rowe, choose to use "our" instead of "your", believing Hamlet is speaking in general terms about the limitations of human thought.


More pictures of the making of Faerie Doors...with my very special feline assistant and supervisor! Makwa (meaning "bear" in Native Algonquin language) has been adopted by us at his birth. His mom, a feral cat we were feeding, abandoned him at our door as soon as he was born. I think she gifted us with him as a present for all the food she was getting...

Una Porta Fatata sull'invisibile


Hai mai pensato, o desiderato, di poter vedere e percepire un mondo invisibile, una dimensione parallela popolata di creature eteree che si prendono cura della Natura che ci circonda? Sia che la tua risposta sia sì, no o forse, continua a leggere per trovare il regalo che voglio condividere con te oggi.   Da bambina ero attratta dal mondo delle Fate - come probabilmente molti altri bambini. Crescendo, non ho mai smesso di credere in una sorta di "magia", presente nella nostra vita anche se in qualche modo invisibile. Quando all'età di 17 anni ho scoperto di essere un canale che attingeva informazioni da un'altra dimensione, prima dall'aldilà, poi da una dimensione superiore della Coscienza che percepisco oltre il mondo terreno, mi sono sentita obbligata ad approfondire la conoscenza esperienziale e pratica di diversi percorsi spirituali, nonché del funzionamento dell'essere umano e delle connessioni tra corpo, mente, ambiente e spirito. Nella mia ricerca spirituale, non ho mai dimenticato il mondo fatato, ma onestamente l'accesso ad esso non era la mia priorità. Fino a quando non è successo... qualcosa.   Era l'inizio del 1999. All'epoca vivevo ancora in Italia, in un bellissimo e tranquillo villaggio costruito intorno a un castello medievale su una collina. Quella notte ero solo=a a casa e andai a dormire come al solito, dopo una tazza di tisana e una semplice meditazione.   All'improvviso, nel cuore della notte, fui svegliato da un suono. Era come un canto proveniente da un altro mondo. In realtà, veniva dal mio salotto, ma era come se appartenesse a un'altra dimensione. Era la musica più pura, bella, sottile e penetrante che abbia mai ascoltato. Non un coro, non un'orchestra. Era qualcosa di incomparabile e unico, non di questo mondo terreno. Mi sembrava che la musica stesse penetrando nel mio cervello e nel mio corpo, facendomi sentire più sottile e leggera, così leggera che sentivo di non essere più dentro il mio corpo. Volevo alzarmi per andare nel salotto (che era una grande stanza vuota adibita a sala prove di danza) per vedere cosa stesse succedendo lì, ma mi sentivo come se fossi incatenata al mio letto. In realtà mi sentivo come se fossi stato rapita in qualche modo, e portata in una dimensione in cui tutto era più luminoso, più sottile e più leggero. Poi la musica ha iniziato a svanire e ho iniziato a sentire di nuovo il mio corpo. Appena sono riuscita a muovermi sono entrata nel soggiorno, ma, ovviamente, era vuoto.


Erano le 3:15. Non potevo tornare a dormire. Mi sono sentita obbligata a scrivere, e così ho lasciato che l'ispirazione mi scorresse lungo la mano che teneva la penna. Dopo 15 minuti leggevo, stupita, il racconto che avevo appena canalizzato. Ho iniziato a piangere. In un'intuizione improvvisa, mi sono resa conto che era la mia storia. In un batter d'occhio mi sono sentita riconnessa alla mia identità reale, al mio percorso, alla mia missione. Ho sentito che una porta era stata aperta, e quella porta mi stava mostrando una prospettiva totalmente diversa sulla mia esistenza. Il racconto era intitolato "Il richiamo della montagna". È il primo di sette racconti iniziatici che ho inserito alla fine del mio libro "Sulla Via delle Fate - Una guida alla dimensione Fatata e ai suoi doni" *. Se continui a leggere troverai il link per scaricare gratuitamente questo racconto.   Ci sono voluti anni per integrare quell'esperienza. Direi che ci sono voluti più di 20 anni, trascorsi a cercare, imparare, comprendere, accettare, arrendersi, sperimentare, condividere. Durante questi anni, ho sviluppato la sensazione che non importa se crediamo o no nell'esistenza delle Fate. L'unica cosa che conta è tenerci aperti a nuove esperienze. Approfondendo la comprensione di come la nostra mente lavora attraverso l'ipnosi e le neuroscienze, e imparando molto sull'antropologia e su diverse tradizioni spirituali, ho capito che la cosa più importante è mantenere viva la nostra curiosità e rimanere aperti a diversi modi di descrivere le nostre percezioni, che sono totalmente personali e relative alla nostra esperienza personale.   Pochi mesi dopo quella notte, il "richiamo della montagna" mi ha portato a vivere nell'incantata Valle d'Aosta, circondato da boschi, cascate e ... Fate. La vita è diventata più magica e anche più stimolante, e ho superato prove impegnative che hanno coinvolto anche la mia salute.   Ora, mentre ricevo un dono speciale dalla Vita, che mi consente di continuare a condividere su questa Terra la benedizioni che ho continuato a ricevere (condividerò presto con voi la storia del mio processo di guarigione), sento di essere, finalmente, di nuovo completamente operativa. Sto celebrando questa nuova fase della mia vita aprendo la mia porta a tutti voi, condividendo qualcosa di speciale che ho iniziato a fare alcuni anni fa, non appena ho lasciato l'Italia.   Quando mi sono trasferita in Canada nel 2012, mi sono sentito chiamato per iniziare a costruire Porte delle Fate.   Secondo molte tradizioni, una Porta delle Fate (o Porta Fatata) aiuta le persone a connettersi con il regno invisibile delle Fate. Dicono che se vuoi invitare una Fata a visitare la tua casa, dovresti avere almeno una Porta delle Fate. Alle Fate suona come un invito.

Con o senza Porta delle Fate, per ricevere l'aiuto e i favori delle Fate non devi fare nulla di specifico se non mantenere un atteggiamento gentile, rispettoso e costruttivo nei confronti di te stesso/a e degli esseri viventi che ti circondano. Le Fate e altri esseri "magici" sono fatti di una materia più sottile del nostro corpo fisico umano, che li rende molto più sensibili al nostro umore e al nostro atteggiamento rispetto a noi umani. Se vuoi ricevere benefici dal regno Fatato, continua a coltivare autoconsapevolezza, amore, rispetto e senso dell'umorismo. Le Fate sono più leggere degli umani e apprezzano tutto ciò che ci fa sentire sollevati, in armonia e illuminati.   Una Porta delle Fate è come un portale che si apre sul regno delle Fate e si connette con i suoi doni... se credi nell'esistenza delle Fate. Se non credi nelle Fate, o se non sai se credere nella loro esistenza o meno, una Porta delle Fate è il simbolo dell'apertura verso il lato invisibile della Vita e della Coscienza, che in realtà potrebbe custodire tanti segreti e regali come il mondo Fatato stesso.


Citando uno dei miei autori preferiti, William Shakespeare:

"Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, Di quanto ne contempli la tua filosofia ”**

- Amleto (1.5.167-8), Amleto ad Orazio   Qui sopra ho condiviso con voi alcune foto *** della realizzazione di Porte delle Fate e, come ho promesso, condivido QUI il link per scaricare il racconto "Il richiamo della Montagna" Buona lettura!   La creazione di una Porta delle Fate, così come la realizzazione di un Ritratto Spirituale, è un processo di profonda connessione con me stessa, con l'Anima della persona a cui è destinata la Porta e con quella Dimensione superiore dell'Essere che guida la mia esistenza. È più che meditazione, più che contemplazione e dedizione. È qualcosa di non facile da descrivere, ma totalmente correlato a quelle connessioni che ci consentono di rendere visibili le connessioni illuminanti che non si vedono con gli occhi. Ci sono così tante cose da scoprire nel nostro percorso di vita...   Ti auguro di essere sempre guidato/a e protetto/a sul tuo cammino.   Monica * "Sulla Via delle Fate - Una guida alla dimensione Fatata e ai suoi doni" di Monica Canducci è disponibile come Kindle e tascabile in versione cartacea.   ** Secondo alcuni editori, "filosofia" significa "scienza", e alcuni editori, come Dyce, White e Rowe, scelgono di usare il "nostro" anziché il "tuo", credendo che Amleto stia parlando in termini generali delle limitazioni del pensiero umano. ***Tra le foto della realizzazione di Porte Fatate vedete anche... il mio assistente e supervisore felino! Makwa (che significa "orso" nella lingua dei nativi Algonchini) è stato adottato da noi alla sua nascita. Sua madre, una gatta randagia che stavamo nutrendo, lo ha abbandonato alla nostra porta appena nato. Penso che abbia voluto farci un regalo per tutto il cibo che aveva ricevuto...


#fairy #faerie #doors #unseen #nature #spirituality #messages #invisible #fate #magia #spiritualità #portedellefate

© 2018 by Monica Canducci. All Rights Reserved.