google-site-verification=7uKx5_fN3o3T5QzA32ghvf9sBTlYQ7L5-Vdakr72l3Q Hosting Ghosts

Hosting Ghosts

March 11, 2018

 

(Italiano in fondo) It sometimes happens that I host ghosts. I mean, sometimes I provide them a safe place to recover after a troubled death, sometimes a quiet place to integrate their life experiences, and sometimes I just enjoy all the messages and inspirations coming from them. It’s not a very common occupation. And of course I don't take it as a job. It’s something that sometimes happens, with some funny side effects in my life (fortunately I have a good sense of humour, good enough to find funny almost everything, even if it is dramatic). And I could define it as a calling, or something probably related to my nature.

 

It started when I was a teenager. It started with my piano, that started playing by itself. Everybody in the house heard it (my parents, my grandmother, my sister). We thought my cat had been closed in the room, so I went to open the door…But the cat was not there, and in the room instead of the cat there was a very intense smell of incense, that lasted hours, despite having opened the windows (and despite our neighbours’ barbecue party going on just below that window).

In that moment, we thought of a ghost. We were open-minded (or just weird) enough to believe in ghosts. So we thought of a friendly ghost who just passed to say ‘Hello!’ in his ghostly way.

 

Then I started to receive 'visits'. Some months later I found an imprint, an imprint left by a mouth, a kissing mouth, on the mirror. I was brushing my hair, and the mirror was clear and clean. Then I bent my head forward, always brushing my hair, and when I stood up looking in the mirror again I found this imprint. It was a mouth in a kissing attitude, and just above it there was also the imprint of the nose tip, like someone had just kissed the mirror leaving the imprint of the lower half of his (her) face. The most relevant thing was that under the nose tip imprint there were also thousands of microscopic drops of vapour, like someone had really leaned his/her nose and mouth on the mirror leaving also his, or her, breath imprint. And the weirdest thing was that this vapour didn’t disappear in more than a year. It stayed there, together with the mouth and nose imprint, always 'fresh' like just exhaled. We were really impressed, so we didn’t touch anything and it remained there…Until the day that my mom hired a housecleaner, forgetting to tell her about this phenomena.
And so we had again a very clean and clear mirror.

 

After a few of these phenomena, I was not surprised when I started to feel invisible presences surrounding me.
I might call them 'circles of spirits', or 'cohorts', maybe. I could distinguish different kinds among them. And, day by day, my ability to feel them, 'see' them, and communicate with them increased.

Some of them seemed not to be ghosts but 'living beings' belonging to another dimension, invisible to the eye (we could call them faeries, or genies, according to different traditions). A 'cohort' composed of gentle and wise, or creative and brilliant faeries and genies (and some impetuous dragons, too…;), who usually inspired me artistically, and who left messages and teachings focused on the importance of increasing self awareness, presence, consciousness, self knowledge and respect for ourselves and for the world in which we are living. Sometimes (but very rarely, and only for a very specific purpose) they left also a physical sign of their presence, i.e. little objects, semiprecious stones, rings, etc.

Or imprints...on the mirrors.  

 

Some of them, however, seemed to be really human ghosts. Friendly ghosts, often a little bit in trouble, sometimes coming in order to leave a message addressed to someone still alive, sometimes in search of a safe place in which find comfort after a troubled or unexpected death. I especially host young people who died suddenly, too suddenly to understand (or to be able to accept) what was going on. Sometimes they feel frustrated, sad, with regrets for having lost (in their opinion) some opportunities in their life. For reasons too long to explain here, they find it easier to connect with me than look at their new dimension of existence directly. Sometimes they send me messages through dreams (that are not really dreams. I learned to distinguish between 'dreams' and other kinds of openings to other dimensions which I’m allowed to visit in a state between sleep and wakefulness, or similar to sleep). Sometimes they communicate with me using a 'common mental space', a dimension of thoughts and emotions that we share for a period, until their integration process is complete (yes, that's the weirdest part of the experience... Because I'm very empathetic, and so you can imagine what this kind of 'sharing' means to me). It seems that they find in me a kind of 'counsellor', sometimes a coach, or just a listener, able to transmit to them peace, balance and non-judgment, and to help them to find their way to another dimension of life.

Sometimes they have requests that I’m not able to fulfill immediately. Especially when they ask me to send a precise message to some of their beloved ones who are still alive. I had hard times in explaining to them that it’s a little embarrassing to knock on anyone’s door and say "Hello, I have a message for you, it comes from someone who loves you and who passed away". So, usually, I wait for the 'right moment'. And usually, maybe after years, the right moment comes, and I meet 'by chance' the right person (and then I usually become crazy trying to find a 'reasonable' way to transmit the message).

 

But some of them have a very particular nature. They seem to be half human ghosts and half beings belonging to the genies kind. In many spiritual traditions and folkloristic tales we find that there are individuals not completely human, but 'crossed' with other kind of beings like faeries (in north European traditions) and genies (in middle East traditions….and many others), or at least strictly connected with them (no, it doesn’t mean that one of their parents had necessarily a love affair with a fairy or a genie…It happens because sometimes faeries and genies feel attracted to experience a human life, and sometimes they are called to it).

Usually, individuals 'crossed' with genies are defined 'genial', or 'geniuses' (and often they are labelled as mad, when they don’t find a way to express themselves, or if they feel misunderstood), and usually in their earthly life they are acknowledged as artists, sometimes very charismatic and magnetic, able to attract crowds without any effort (whereas individuals crossed with the fairies appear to be more dedicated to nature, to the arts and to care for others...I'm sure I'm one of them:). They are a very interesting category of ghosts-not-ghosts. They can be at the same time very troubled and very generous, very demanding and very happy to be helpful. Usually they have a 'mission' to accomplish, even if they are passed now to the invisible side of Life, and often this mission is related to inspiration. They become bringers of inspiration to humankind, and they continue to work by transmitting inspirations to others. But sometimes they need a little help in order to reorient their energies, after their passage beyond the threshold between Life and Death.

 

Well…I’m glad to host all these kinds of guests. Of course it’s not easy. It’s like living a secret life overlaid on another, and after a 'near death experience' and another close encounter with Death my sensitivity is even increased. And it’s not too easy to deal with daily life, being so sensitive. But I learned and I’m still learning a lot from this experience. Of course, it doesn’t happen every day that I host some of these souls who have specific demands. It happens sometimes, and it can last days, months, years…according to the personality and the nature of my guest of the moment, and according to his or her needs (and also to the lesson I have to learn).

In the meantime, I feel continually surrounded by my invisible inspirers, and my life continues, in this rich, beautiful dimension in which I flow, like in a dance, between the visible and invisible worlds.

 

After all, as William Shakespeare wrote:

“There are more things in heaven and earth, Horatio, 
Than are dreamt of in your philosophy.”
- Hamlet (1.5.167-8)

 

If you want to know more about these experiences, I think you would enjoy my book Turn to Heal - Dancing Beyond. 

 

 

 

Ospitando fantasmi

 

A volte mi capita di ospitare fantasmi. Voglio dire... Io do loro ospitalità, offrendo a volte un luogo sicuro per recuperare dopo una morte travagliata, a volte un posto tranquillo per integrare le esperienze di vita e, a volte, mi ritrovo soltanto a godere di tutti i messaggi e le ispirazioni che da loro provengono.

Non è un lavoro molto comune. E, naturalmente, non lo prendo come un lavoro.

È qualcosa che accade, alle volte. E potrei definirla come una chiamata ... O qualcosa che, probabilmente, dipende mia natura.

 

Tutto è cominciato quando ero adolescente. È cominciato con il mio pianoforte che ha iniziato a suonare da solo. Tutti in casa lo hanno sentito (i miei genitori, mia nonna, mia sorella). Abbiamo pensato che la gatta fosse rimasta chiusa nella stanza, così sono andata ad aprire la porta... Ma la gatta non era lì, e in camera invece della gatta c'era un intenso odore di incenso, che è durato ore, nonostante abbiamo aperto le finestre (e nonostante la grigliata che i nostri vicini stavano arrostendo proprio sotto quella finestra).

In quel momento abbiamo pensato a un fantasma. Eravamo abbastanza come si suol dire “di mentalità aperta” (o solo abbastanza strambi...) da credere ai fantasmi. Così abbiamo pensato da un fantasma amichevole che era passato a dirci "salve!" nel suo modo spettrale.

 

Dopo questo episodio ho iniziato a ricevere "visite". Alcuni mesi dopo ho trovato un'impronta, un'impronta lasciata da una bocca nell’atto di baciare, sullo specchio. Mi stavo spazzolando i capelli, e lo specchio era chiaro e pulito. Poi ho piegato la testa in avanti, sempre spazzolandomi i capelli, e quando mi sono rialzata e mi sono di nuovo guardata allo specchio ho trovato quest’impronta. Una bocca atteggiata al bacio, e proprio sopra di essa l’impronta di una punta del naso. La cosa più rilevante è che sotto l'impronta della punta naso c'erano anche migliaia di microscopiche gocce di vapore, come se qualcuno avesse davvero messo il proprio naso e la propria bocca, lasciando anche l’impronta del proprio respiro. E la cosa più strana fu che questo vapore non scomparve per più di un anno. È rimasto lì, insieme con l’impronta di bocca e naso, sempre "fresco", come appena esalato. Siamo rimasti molto colpiti da questo fenomeno, quindi non abbiamo toccato nulla ed è rimasto lì .. Fino al giorno in cui mia mamma ha assunto una donna delle pulizie, dimenticando di avvisarla riguardo a ciò.

E così abbiamo avuto di nuovo uno specchio molto pulito e chiaro.

 

Dopo alcuni di questi fenomeni, non sono rimasta sorpresa quando ho cominciato a sentire presenze invisibili intorno a me.

Potrei chiamarli "cerchi di spiriti", o "coorti", forse. Potevo distinguerne diversi tipi. E, giorno dopo giorno, la mia capacità di sentirli, “vederli" e comunicare con loro è aumentata.

Alcuni di loro sembrano essere non fantasmi, ma "esseri viventi" appartenenti ad un'altra dimensione, invisibili all’occhio (potremmo chiamarli fate, o geni, secondo le diverse tradizioni). Una "coorte" composta da creature fatate e geni gentili e saggi, o creativi e brillanti (e da alcuni draghi impetuosi, anche...), che di solito mi ispira artisticamente, e che lascia messaggi e insegnamenti focalizzati sull'importanza di aumentare la consapevolezza di sé, la presenza, la coscienza, la conoscenza di sé e il rispetto per noi stessi e per il mondo in cui viviamo. Qualche volta (ma molto raramente, e solo per uno scopo ben preciso) essi lasciano anche un segno fisico della loro presenza, ad esempio piccoli oggetti, pietre dure, anelli, ecc. ...o impronte... sugli specchi ;-)

 

Alcuni di loro, però, sembrano essere davvero fantasmi umani. Fantasmi amichevoli, spesso un po’ in difficoltà, che a volte vengono per lasciare un messaggio indirizzato a qualcuno ancora in vita, e altre volte alla ricerca di un luogo sicuro in cui trovare conforto dopo una morte turbolenta o inattesa. Mi capita di ospitare soprattutto giovani che sono morti improvvisamente, troppo improvvisamente per capire, o per essere in grado di accettare che cosa stava succedendo. A volte si sentono frustrati, tristi, e rimpiangono di aver perso (a loro parere) alcune opportunità nella loro vita. Per ragioni troppo lunghe da spiegare qui, trovano più facile entrare in contatto con me che guardare direttamente alla loro nuova dimensione dell'esistenza. A volte mi mandano messaggi attraverso i sogni (che non sono sogni in realtà…Ho imparato a distinguere tra i "sogni" e altri tipi di aperture verso altre dimensioni che mi é permesso visitare in uno stato tra il sonno e la veglia, o simile al sonno) . A volte comunicano tramite uno "spazio mentale comune", una dimensione di pensieri ed emozioni che condividiamo per un periodo, fino a quando il loro processo di integrazione è stato completato. Sembra che trovino in me una sorta di "consigliere", a volte un coach, o solo un’ascoltatrice in grado di trasmettere loro pace, equilibrio e non-giudizio, e di aiutarli a trovare la loro strada in un'altra dimensione della Vita.

A volte hanno richieste che io non sono in grado di soddisfare immediatamente. Specialmente quando mi chiedono di trasmettere un messaggio preciso ad alcuni dei loro cari ancora in vita. Ho avuto momenti difficili nello spiegare loro che è un po’ imbarazzante bussare alla porta di qualcuno e dire "Ciao, ho un messaggio per te, viene da qualcuno che ti ama ed é passato a miglior vita…”. Così, di solito, aspetto il "momento giusto". E di solito, magari dopo anni, il momento giusto arriva, e mi capita di incontrare "per caso" la persona giusta (e poi di solito divento matta per trovare un modo "ragionevole" di trasmettere il messaggio ...).

 

Ma alcuni di loro hanno una natura particolare. Sembrano essere per metà fantasmi umani e per metà degli esseri appartenenti alla cerchia (o coorte) dei geni. Sì, in molte tradizioni spirituali e racconti folkloristici troviamo personaggi non completamente umani, ma “incrociati” con altri tipi di creature come quelle fatate (tradizioni del Nord Europa) e come i geni cosiddetti (tradizioni del Medio Oriente...e molte altre..), o per lo meno strettamente collegati con loro (no, non significa necessariamente che uno dei loro genitori ha avuto una storia d'amore con una fata o un genio…Questo accade perché a volte i geni si sentono attratti a vivere una vita umana, e talvolta sono chiamati ad essa)...

 

Di solito queste persone sono definite "geniali", o "genii" (e spesso sono etichettati come pazzi, quando non hanno trovato un modo per esprimere se stessi, o se non si sentono capiti e fanno il diavolo a quattro per questo), e di solito nella loro vita sono artisti, a volte molto carismatici e magnetici, in grado di attirare le folle senza alcuno sforzo. Si tratta di una categoria molto interessante di fantasmi-non fantasmi. Essi possono essere allo stesso tempo spiriti molto travagliati e molto generosi, molto esigente e molto felici di rendersi utile. Di solito hanno una "missione" da compiere, anche se sono passati dalla parte invisibile della Vita, e spesso questa missione è legata all'ispirazione. Diventano portatori di ispirazione per l'umanità, e continuano a lavorare trasmettendo ispirazioni agli altri. Ma a volte hanno bisogno anche di un piccolo aiuto, al fine di riorientare le loro energie dopo il loro passaggio oltre la soglia.

 

Beh ... sono felice di ospitare tutto questo genere di ospiti. Di certo non è facile. È come vivere una vita segreta sovrapposta a un’altra, e dopo una cosiddetta "esperienza di premorte" (e un altro incontro ravvicinato con la medesima) la mia sensibilità è addirittura aumentata. E non è così facile affrontare la vita quotidiana essendo così sensibile. Ma ho imparato e sto ancora imparando molto da questa esperienza. Certo, non capita tutti i giorni di ospitare alcune di queste anime che hanno esigenze specifiche. Capita a volte, e può durare giorni, mesi, anni ... secondo la personalità e la natura del mio ospite del momento, e in base alle sue esigenze. Nel frattempo, mi sento continuamente circondata dai miei ispiratori invisibili, e la mia vita continua, in questa ricca, bellissima dimensione nella quale fluisco, come in una danza, tra i mondi visibili e invisibili.

 

“Ci sono più cose in Cielo e sulla Terra, Orazio, di quante ne contempla la tua filosofia.”

William Shakespeare, Amleto (1.5.167-8)

 

Se vi é piaciuto il racconto di questa mia esperienza, potrebbe piacervi il mio ebook Trasformarsi per Guarire.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Featured Posts

Wishing you Happy Equinox

March 20, 2019

1/2
Please reload

Recent Posts