google-site-verification=7uKx5_fN3o3T5QzA32ghvf9sBTlYQ7L5-Vdakr72l3Q Dreams Are Necessary

Dreams Are Necessary

March 8, 2018

(Italiano in fondo) It’s time to confess, and tell the truth about me.

I’m a fairy.
And these are hard times for faeries.

Well, I tried to have a 'normal', human life, hiding my true nature, and doing normal things as most of the humans do. But it didn’t seem to be working.

I had understood what I am since my childhood, and I learned that many of us (I mean many creatures belonging to the faerie realm) were born as humans, attempting to save this poor planet, by bringing to mankind more awareness about all the connections among nature, human life and… Ok, it’s too long to explain. To cut it short, for many years I tried to seem 'normal', a woman like many others (maybe just smaller...), hiding my skills working undercover, choosing a job...that anyway has something to do with arts and healing, because I'm a fairy. And a fairy, you know, loves arts, nature, and brings healing to people, even when she tries to hide herself and her true nature.

 

But something didn’t work.

And I’ve started burning.

 

Something was going wrong in my half-human body (that actually looks like completely human… ), and it seemed that my nervous system was consumed by a kind of inner fever due to a nasty virus (probably the 'varicella zoster virus', that decided to attack deeply my nervous system instead of expressing itself in the role of shingles) or something like this.

 

It happened exactly one year ago today. A burning pain everywhere, as if all my body was on fire. It was paralyzing. And it seemed that there was not a therapy (a known one, I mean). I was sure of that, and I'm sure it was much better for me, because I never react to therapies like a 'normal' person (because I’m a fairy, but it’s much better not to try to explain this to physicians because they immediately feel the impulse to send you to see a psychiatrist. Actually, one of my friends is a psychiatrist, but fortunately he believes in faeries, too…  ).

So I was just accepting my condition, thinking that probably I had done something wrong (maybe some wrong choice in my life?), and it was too late to change my destiny. I was consumed by fire. And I was standing between Life and Death.

 

Then I had a Dream.

It was not really a dream. It was more a 'real meeting' with someone special. The kind of meeting that you can have just in your dreams, when you are aware of the power of some dreams that actually are doors on other dimensions. In these meetings, you can receive some special visitors.

 

It started like a dream. I was walking in a kind of desert. Sand everywhere. And I was still burning, so I decided to sit down on the sand, when a man appeared, riding a kind of motorcycle (or maybe it was a dragon...). He seemed young, slim and very fast and agile in his movements. I couldn’t see his face very well because he was so bright and shining. The motorcycle (or dragon...?) disappeared, and I understood that it was not a dream and he was not a man.

He was a Genie. A kind of spirit of fire, but much more powerful than a simple one. Because these kind of genies are a combination between fire and pure light.

 

 

He sat in front of me, fire appeared in his hands, and he started to play with it. I noticed that the mass of his long hair looked like the mane of a lion. Or maybe it was only his aura. Who knows. Genies are…unique.

He was smiling, and his smile was so bright, more than the fire light in his hands. And his face was hidden, or my vision was blurred, by all that light.

 

He smiled at me, saying: “It’s never too late to accept your true nature, little fairy. It’s never too late to accept yourself. Never too late to change your destiny. Look at me. I came on your same planet to accomplish a mission. And I’m still working, even if in a different shape and dimension, subtler than the human dimension….that was too heavy for me.” (I could be wrong, but I thought I saw a flash of sadness in his eyes…or maybe it was nostalgia?).

 

Quickly he added “…Or maybe I was too fast and alive for it…Who knows…”. And he smiled again, blinking like he was joking.

Then he came closer to my eyes, saying mysteriously: “I help people like you to go across a threshold… to pass a door.”

 

I was a little scared. He seemed to talk about…Death (and actually, he seemed a Genie Ghost in that very moment). I was not worried about Death. A fairy isn’t scared by Death (especially a fairy who has died at least one time in her life, some years before…even if my meeting with Death lasted only a few minutes, and then I came back to life). We know that is only a change of state, we understand it better than humans. I understand it.

It was something else that made me feel scared.

 

He laughed throwing his head back, then he stared into my eyes, and he said:

“Don’t be shy, fairy. And don't be afraid. The threshold is different for everybody. Your threshold will bring you beyond your self judgment and your fears to be what you are.” 


…Which meant for me something much more frightening then Death, actually…

 

He continued: "Don’t be shy, fairy…Dance! You are a dancing fairy, and this fire that is burning your body is telling you that you are not dancing enough! You need dancing to stay alive. Not only physically, I mean.

You are a trans-dimensional dancer, and dreamer. You need to dream, because you are a kind of dream-player, or dream-dancer, or dream-healer…I mean, you can help people to wake up through ...your dreams!”

He laughed, seemingly amused by his words, or maybe by my face…and I confess that I’m still trying to understand what he meant.

 

He continued: “And your mission is to bring the dreams that come to you to other people. You must communicate more, fairy. You must interact more with people. Tell stories. Use all the arts. Art is the best way to bring the truth to people, and to help people to discover the truth about themselves and their true nature. Dream. Dance. Write. You must weave the tapestry of Dreams using dancing words.”

 

I was really disoriented, hypnotized by his voice, mesmerized by his gaze, his hands (he was making gestures with his hands and the fire on them like a magician...) and his luminous presence.

 

“Take your time, fairy. But don't wait too much. Dream, fairy, dream, and tell your dreams, write them...like...tales.

Let dance flow through you. Let words flow through you. I will use you again to bring other messages to people who want to wake up. Be ready... And dance, beyond the threshold between visible and invisible dimensions. 
You are a bridge. Bring this message to others. It's only the first. And the ones who will wake up..." (again, it seemed to me to see a strange light in his eyes, like...hope?) "...they will ask you to dream for them. And other dreams will follow. It is necessary. Dreams are necessary…”.

 

And with these words, with a last enigmatic smile, looking like a kind of dancing warrior, he disappeared, and I woke up. No more burning pain in my body. 

 

Since that Dream, that - I'm sure - was not a dream, I started to follow the instructions.

Dancing, dreaming, writing and painting, too.
Much more than before. 


It seems I'm healing. A miracle. Other dreams, other meetings... And soon, other (true) stories.

I'll keep dancing, and writing, and dreaming.

Because, as my bright Genie-Ghost mentor said... DREAMS ARE NECESSARY.

 

July 2015

Dedicated to the Bringer of Inspiration who lives beyond the Threshold of Dreams.

 

 

È il momento di confessavi la verità sul mio conto.

Sono una fata.

E questi sono tempi duri per le fate.

Beh, ho cercato di avere una vita umana "normale", che nascondesse la mia vera natura, facendo cose normali come la maggior parte degli esseri umani. Ma sembra che non abbia funzionato.

Ho capito chi sono fin dalla mia prima infanzia, e ho compreso che molti di noi (intendo molte creature appartenenti al regno fatato) sono nati come esseri umani nel tentativo di salvare questo povero pianeta apportando all'umanità una maggiore consapevolezza di tutte le connessioni tra la Natura, la vita umana e... Ok, è troppo lungo da spiegare. Per farla breve, per molti anni ho cercato di sembrare "normale", una donna come tante altre (forse solo un po’ più piccola ...;), nascondendo le mie capacità e lavorando sotto copertura, scegliendo appunto un lavoro...che ha comunque a che fare con le arti e la guarigione, perché sono una fata. E una fata, si sa, ama le arti, la Natura, e porta guarigione alle persone, anche quando lei cerca di nascondere se stessa e la sua vera natura.

Ma qualcosa non ha funzionato.

E ho cominciato a bruciare.

 

È successo qualcosa, qualcosa di sbagliato nel mio corpo per metà umano (che a dire la verità sembra proprio completamente umano, a guardarlo…), per cui sembrava che il mio sistema nervoso fosse consumato da una specie di febbre interna, probabilmente a causa di un virus dispettoso (pare si tratti del virus “varicella zoster", o herpes zoster detto anche Fuoco di Sant’Antonio, che ha deciso di attaccare in profondità il mio sistema nervoso invece di esprimersi esternamente), o qualcosa di simile.

È iniziato esattamente un anno fa. Un dolore che bruciava ovunque, come se tutto il mio corpo fosse in fiamme. Era paralizzante. E sembrava che non ci fosse una terapia (non una nota, intendo). Ero sicura che questo in fin dei conti fosse molto meglio per me, perché non ho mai reagito alle terapie come una persona "normale" (perché sono una fata, ovvio…ma è molto meglio non cercare di spiegare questo ai medici perché provano subito l'impulso di inviarti a uno psichiatra. In realtà, uno dei miei più cari amici è proprio uno psichiatra, ma per fortuna anche lui è una creatura fatata, quindi...).

Così ho potuto solo accettare la mia “bruciante” condizione, pensando che probabilmente avevo fatto qualcosa di sbagliato (forse qualche scelta sbagliata nella mia vita?), ed era troppo tardi per cambiare il mio destino. Mi sentivo consumare dal fuoco. E mi sono trovata, ben presto, sospesa tra la Vita e la Morte.

 

Poi ho fatto  un sogno.

Non era davvero un sogno. Era più un vero e proprio “incontro" con un essere speciale. Quel tipo di incontro che si può fare solo nei sogni, quando si è consapevoli del potere di alcuni sogni che in realtà sono “porte” che introducono in altre dimensioni. In questi incontri, è possibile ricevere qualcosa di speciale.

 

È iniziato come un sogno. Stavo camminando in una specie di deserto. Sabbia ovunque. E bruciava, e anche io bruciavo ancora, e così ho deciso di sedermi sulla sabbia… quando è apparso un uomo, in sella a una sorta di motocicletta (o forse era un drago...). Sembrava giovane, era sottile, e molto agile e veloce nei movimenti. Non riuscivo a vedere la sua faccia molto bene perché era molto luminosa, splendente. Poi la moto, o il drago, sono scomparsi, e ho capito che non era un sogno, e lui non era un uomo.

 

Era un Genio, o un cosiddetto Jinn… Una sorta di Spirito del Fuoco, ma molto più potente di un semplice spirito. Perché questo tipo di genio è una combinazione tra il fuoco e la luce pura.

Si é seduto di fronte a me, il fuoco è apparso nelle sue mani, e lui ha iniziato a giocarci. Ho notato che la massa dei suoi lunghi capelli sembrava la criniera di un leone. O forse era solo la sua aura. Chi lo sa. I geni sono ..unici.

Sorrideva, e il suo sorriso era così brillante, più della luce che faceva il fuoco nelle sue mani. E il suo volto restava nascosto, o forse la mia visione era offuscata da tutta quella luce.

Mi ha sorriso, dicendo: "Non è mai troppo tardi per accettare la tua vera natura, piccola Fata. Non è mai troppo tardi per accettare se stessi. Non è mai troppo tardi per cambiare il tuo destino. Guardami. Sono venuto sul tuo stesso pianeta per compiere una missione. E sto ancora lavorando, anche se in una forma e dimensione diversa, più sottile della dimensione umana...che era troppo pesante per me.” 

(Potrei essermi sbagliata, ma penso di aver visto un lampo di tristezza nei suoi occhi ...o forse era nostalgia?). Rapidamente ha aggiunto: "... O forse ero troppo veloce e “vivo” per essa... Chi lo sa ...". E ha sorriso di nuovo, battendo e strizzando le palpebre come se stesse scherzando.

 

Poi si é avvicinato ai miei occhi, dicendo misteriosamente: "Io aiuto le persone come te a passare attraverso una soglia ...a oltrepassare una Porta.”

Ero un po’ spaventata. Sembrava che parlasse...della Morte (e in realtà, sembrava un Genio fantasma, in quel momento...). Non ero preoccupata per la Morte in sé. Una fata non è spaventata dalla morte (soprattutto una fata che è “morta” almeno una volta nella sua vita, alcuni anni prima... anche se il mio incontro con la Morte è durata solo pochi minuti, e poi sono tornata alla Vita .. ). Noi sappiamo che è solo un cambiamento di stato, lo capiamo meglio di quanto possano capirlo gli esseri umani. O, almeno, io lo capisco.

Era un'altra cosa che mi faceva sentire spaventata.

 

Si é messo a ridere gettando la testa all'indietro, poi mi ha fissata dritta negli occhi, e mi ha detto:

"Non essere timida, Fata. E non aver paura. La soglia è diversa per tutti. La tua soglia ti porterà oltre il tuo auto-giudizio e le tue paure di essere …quella che sei... “.

 

...Il che significava per me qualcosa di molto più spaventoso della Morte, in realtà ..

Ha continuato: "Non essere timida, fata ... danza! Sei una fata danzante, e questo fuoco che sta bruciando il tuo corpo ti sta dicendo che non sta danzando abbastanza… Hai bisogno di danzare per restare in vita, danzare non solo fisicamente, intendo.

Sei una danzatrice trans-dimensionale, e una sognatrice trans-dimensionale. Hai bisogno di sognare, perché tu sei una specie di danzatrice dei sogni, o guaritrice dei sogni... voglio dire ...puoi aiutare le persone a svegliarsi attraverso ...i tuoi sogni!“ E si è messo a ridere…sembrava divertito dalle sue parole, o forse dalla mia faccia ...e vi confesso che sto ancora cercando di capire cosa volesse dire.

 

Ha continuato: "E la tua missione è di portare i sogni che fai ad altre persone. È necessario che comunichi di più, Fata. È necessario che tu interagisca di più con la gente. Racconta delle storie. Utilizza tutte le arti. L'arte è il modo migliore per portare la verità alla gente, e per aiutare le persone a scoprire la verità su se stessi e la loro vera natura. Sogna. Danza. Scrivi. Devi tessere l'arazzo dei sogni usando parole danzanti.“.

 

Ero davvero disorientata, ipnotizzata dalla sua voce, ipnotizzata dal suo sguardo, dalle sue mani (stava facendo gesti con le mani e con il fuoco che aveva su esse, come un mago ...) e dalla sua presenza luminosa.

"Prenditi il tuo tempo, fata. Ma non aspettare troppo. Sogna, fata, sogna, e racconta i tuoi sogni, scrivili ...come ...racconti. Lascia che il flusso della danza passi attraverso di te. Lascia che le parole fluiscano attraverso di te. Userò ancora te, e i tuoi sogni, per portare altri messaggi alle persone che vogliono svegliarsi. Tieniti pronta... E danza, oltre la soglia tra le dimensioni visibili e invisibili.

Sei un ponte. Porta questo messaggio agli altri. È solo il primo. E le persone che si sveglieranno…" (ancora una volta, in quel momento mi é sembrato di vedere una strana luce negli occhi, come ...una speranza?) " ...ti chiederanno di sognare per loro. E altri sogni seguiranno. È necessario. I sogni sono necessari ... ".

E con queste parole, con un ultimo sorriso enigmatico, simile a una sorta di guerriero danzante, è scomparso, e mi sono svegliata. 

Niente più dolore bruciante nel mio corpo.

 

Da quel sogno, che (ne sono certa) non era un sogno, ho iniziato a seguire le istruzioni. Danzare, sognare, scrivere (e dipingere, anche ...).

Molto più di prima.

 

Sembra che io stia guarendo. Un miracolo. Altri sogni, altri incontri... e presto, altre storie (vere…). Continuerò a danzare, e a scrivere, e a sognare.

Perché, come ha detto il mio luminoso mentore genio-fantasma…Dreams Are Necessary (i sogni sono necessari…).

Luglio 2015

 

Dedicato al portatore di ispirazione che vive oltre la soglia.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Featured Posts